Il Marchio ‘Trifari’: Storia & Caratteristiche

IL Marchio ‘TRIFARI’: Storia & Caratteristiche

Foto di copertina - Limited Edition Trifari KTF degli anni '30 di Alfred Philippe Spilla Tutti Frutti in vetro intagliato

Il genio dei gioielli fantasia, Gustavo Trifari – il padre della gioielleria Trifari, nasce nel 1883 a Napoli in una famiglia di eccellenti orafi già famosi in città a metà dell'800. Emigrerà poi negli Stati Uniti nel 1904, non prima di aver svolto il suo apprendistato di orefice nella bottega del nonno Luigi.

Nel 1910 fonda, insieme allo zio Ludovico, l'azienda "Trifari e Trifari", ma due anni dopo lo zio lascia l'azienda. Gustavo proseguì con una produzione personale che riscosse un enorme successo nota in seguito come "gioielli Trifari".

Tra il 1917 e il 1925 entrarono a far parte dell'azienda Leone Krussman e Carl Fishel. In questa occasione si è deciso di cambiare il nome del marchio, in KTF, con una "T" allargata al centro. Krussman divenne il direttore commerciale della casa mentre Carl Fishel era responsabile delle vendite.

Trifari ha segnato un'era nella bigiotteria americana con collane, anelli, orecchini e bracciali indossati anche dalla First Lady Mamie Eisenhower.

Il designer francese Alfred Philippe (che ha lavorato per Cartier prima di entrare a far parte dell'azienda nel 1930) ha dato un contributo importante all'enorme successo dei gioielli Trifari, è stato la mente creativa della Maison dal 1930 al 1968.

Gioielli Trifari, materiali e tecniche

Una parte importante del successo della gioielleria Trifari è dovuta alla combinazione di una clientela glamour e pubblicità prestigiosa del marchio. Dagli anni '30, la creazione di modelli esclusivi per i musical di Broadway e molti spettacoli teatrali hanno reso famosa la loro produzione.

Trifari – Spilla floreale in argento sterling disegnata da Alfred Philippe – 1945

Trifari – Spilla floreale in argento sterling disegnata da Alfred Philippe – 1945

L'apice è stato raggiunto quando la first lady Mamie Eisenhower, moglie del presidente Eisenhower, ha osato rinunciare ai diamanti a un ballo di fine anno per alcuni pezzi decorativi a marchio Trifari nel 1953 (vedi sotto).

IL Marchio ‘TRIFARI’: Storia & Caratteristiche

Parure composta da una collana a tre fili, un braccialetto e un paio di orecchini, ciascuno di perle sintetiche e pavé di strass gialli, in una scatola di presentazione aderente foderata di raso di velluto avorio, con un biglietto stampato con la scritta: Replica di 'Jewels by Trifari' indossata dalla signora Dwight D. Eisenhower al ballo inaugurale del 21 gennaio 1953.

26 Gennaio 1953 – Life – pubblicità della parure indossata da Mamie al ballo inaugurale del 21 gennaio 1953
26 Gennaio 1953 – Life – pubblicità della parure indossata da Mamie al ballo inaugurale del 21 gennaio 1953

Dopodiché tutte le donne hanno voluto essere altrettanto chic, soprattutto perché i modelli erano classici e raffinati, ma anche convenienti.

Ma va detto che questo grande successo non sarebbe possibile senza l'eccezionale qualità dei bijoux: il direttore artistico Alfred Philippe ha utilizzato solo strass austriaci finemente tagliati e rifiniti a mano.

E quando le restrizioni dovute allo scoppio della guerra negli anni '40 proibirono la commercializzazione dei metalli bianchi, Trifari aggirò il problema realizzando magnifici pezzi vermeil (argento sterling 925 placcato oro).

Philippe ha portato le tecniche che aveva sviluppato per la sua precedente azienda, come l'uso di castoni invisibili per le pietre preziose.

Queste nuove tecniche hanno reso i gioielli Trifari distinti e unici. I suoi disegni potrebbero essere collocati nel periodo Art Deco e divennero molto popolari in quegli anni.

Inoltre, ha avuto la possibilità e la libertà di lavorare con i materiali meno costosi utilizzati per la creazione di bigiotteria, che lo hanno ispirato a creare le prime grandi spille floreali e gioielli conosciuti come “Tutti Frutti” (letteralmente "Insalata di frutta"). Molti di questi pezzi sono firmati KTF e sono degli anni '35 circa.

Orecchini “Tutti Frutti” disegnati da Alfred Philippe, seconda metà degli anni ‘30Orecchini “Tutti Frutti” disegnati da Alfred Philippe, seconda metà degli anni ‘30

Un altro materiale seducente, la lucite (derivata dagli scarti dei finestrini degli aeroplani durante la Seconda guerra mondiale!), che imita il cristallo di rocca, è stato utilizzato negli anni '40 per le famose Jelly Bellies. (vedi le due foto sotto).

Orecchini “Tutti Frutti” disegnati da Alfred Philippe, seconda metà degli anni ‘30

Orecchini “Tutti Frutti” disegnati da Alfred Philippe, seconda metà degli anni ‘30

Questi materiali rimasero in uso anche nel dopoguerra e segnarono un tratto distintivo della Casa come anche il vetro pressato, perfetta imitazione della pietra di luna e del calcedonio color latte e le superbe false perle.

A partire dal 1947 (anno del suo brevetto), l'azienda ha utilizzato un metallo chiamato Trifanium da utilizzare nella fusione dei loro gioielli. 

Questa lega fu pubblicizzata nel 1948 come "Trifanium dai toni dorati" o "Trifanium dai toni platino". Ciò ha conferito ai loro prodotti l'aspetto costoso di pezzi placcati in oro o rodio con meno spese. 

A partire dal 1947 (anno del brevetto), l'azienda ha sviluppato un metallo chiamato Trifanium da utilizzare nella fusione dei loro gioielli.

Ottobre 1957 – Vogue – Pubblicità di pezzi in Trifanium e Lucite

 1 giugno 1956 – Vogue – Pubblicità di pezzi in Trifanium dorato

1 giugno 1956 – Vogue – Pubblicità di pezzi in Trifanium dorato

 

 Vogue - Pubblicità di pezzi in Trifanium, 1960

Vogue - Pubblicità di pezzi in Trifanium, 1960
trifari spilla in trifaniumtrifari spilla in trifaniumNegli anni '60 finiture in metallo spazzolato sono stati usati più frequentemente come un'altra alternativa che non richiedeva la lucidatura a mano come il Trifanium. Tuttavia, la qualità dei gioielli è rimasta elevata.

IL Marchio ‘TRIFARI’: Storia & Caratteristiche

IL Marchio ‘TRIFARI’: Storia & Caratteristiche

IL Marchio ‘TRIFARI’: Storia & Caratteristiche

Il modo in cui questi materiali sono stati lavorati ha reso i gioielli Trifari unici e apprezzati.

Nel 1941 Alfred Philippe presenta la sua spilla a forma di corona che viene brevettata solo nel 1944 (vedi sotto) e portava la firma Trifari Sterling e Des.Pat.Pend. Il brevetto è stato depositato e rilasciato con il numero (licenza) 137542.

brevetto della spilla a forma di corona di alfred philippe

Qui sopra il brevetto originale della spilla a forma di corona, in uso dal 1941 ma brevettata da Alfred Philippe il 28 marzo 1944

spilla a forma di corona trifari

Qui sopra la spilla a forma di corona in una delle sue tante versioni realizzate dal 1941 al 1960

La spilla a corona ha continuato ad essere uno degli articoli più venduti della gioielleria Trifari. Fu nuovamente proposto nel 1951, nel 1955, di nuovo nel 1960 e alla fine degli anni '60. I disegni della spilla della corona furono modificati più volte e furono introdotte anche le perle.

spilla a forma di corona trifari
Spilla a forma di corona con perle, fine anni ‘60

Tra i pezzi più ricercati Trifari c'erano quelli il cui punzone mostrava una corona (“Crown”) sulla “T” di Trifari. Le spille Trifari Crown, dalla fine degli anni '30 agli anni '50 furono tra i bijoux più richiesti.

spilla trifari crown

Spilla Crown Trifari, anni 50

Parure Crown Trifari, fine anni 50

Parure Crown Trifari, fine anni 50

Spilla Animalier Crown Trifari, inizio anni ‘60

Spilla Animalier Crown Trifari, inizio anni ‘60

C'è anche una serie del 1953 che celebra l'ascesa al trono di Elisabetta II d'Inghilterra.

1953, parure disegnata da Alfred Philippe per l’anniversario dell’incoronazione della regina Elisabetta II.

 parure disegnata da Alfred Philippe per l’anniversario dell’incoronazione della regina Elisabetta II

(sopra) 1953 – Tutta la collezione realizzata da Trifari per la regina Elisabetta in una pubblicità su Vogue

Molto apprezzati anche i bijoux a forma di animali o fiori: alcuni li collezionano. Realizzati per anni in semplice metallo non prezioso, i bijoux durante la Seconda guerra mondiale passarono all'argento, per la scarsità di materie prime destinate all'uso bellico.

La qualità e la bellezza delle creazioni di Alfred Philippe non avevano eguali e nessun designer ha avuto più influenza sulla sua produzione.

Tuttavia, alla fine della sua carriera non tutti i gioielli che corrispondono a un brevetto con il suo nome sono stati effettivamente progettati da Philippe. Jean Paris e Andre Boeuf, insieme ad altri negli anni '50 e '60, hanno lavorato al suo fianco fino al suo ritiro nel 1968.

C'erano anche un certo numero di importanti designer ospiti associati a Trifari, tra cui Diana Love e Kunio Matsumoto negli anni '70. I disegni di Love avevano l'estetica di antichi manufatti ed erano contrassegnati con cartellini di carta anziché sui gioielli.

1970 – Anello ottagonale disegnato da Diana Love per Trifari

1970 – Anello ottagonale disegnato da Diana Love per Trifari

 Anni ’70 – Parure disegnata da Kunio Matsumoto per Trifari

Anni ’70 – Parure disegnata da Kunio Matsumoto per Trifari

I pezzi di Matsumoto, insieme ai disegni successivi di Aldo Cipullo, Marsella Saltz, e Jonathon Bailey, sono stati contrassegnati su ogni pezzo. 

Anni ’70 – Collana disegnata da Aldo Cipullo per Trifari

Anni ’70 – Collana disegnata da Aldo Cipullo per Trifari

 

 

Fine anni ’70 – Spilla disegnata da Jonathon Bailey per Trifari

Fine anni ’70 – Spilla disegnata da Jonathon Bailey per Trifari

L'acclamato designer modernista Norman Bel Geddes è stato incaricato di progettare una clip pin pesce vela per Trifari nei primi anni Quaranta (una Jelly Belly, vedi figura qui sotto).

pin pesce vela per Trifari nei primi anni Quaranta

Questo disegno faceva anche parte della collezione di classici ristampato da Trifari nel 1996.

1996 – riedizione della spilla Jelly Fish di Norman Bel Geddes

1996 – riedizione della spilla Jelly Fish di Norman Bel Geddes

Altri designer degni di nota che hanno lavorato per Trifari furono Panetta all'inizio degli anni '40 e Kenneth Jay Lane negli anni '70.

Anni ’40 – Spille disegnate da Panetta per Trifari

Anni ’40 – Spille disegnate da Panetta per Trifari

Anni ’70 – Orecchini disegnati da Kenneth Jay Lane per Trifari

Anni ’70 – Orecchini disegnati da Kenneth Jay Lane per Trifari

Trifari è stata venduta a Hallmark nel 1975 e poi a Crystal Brands nel 1988. Nel 1994 Trifari è diventata una divisione del Gruppo Monet (di proprietà di Chase Capital Partners).

Quando l'azienda è stata acquisita da Liz Claiborne nel 2000, la fabbrica del Rhode Island ha chiuso e la produzione di gioielli è stata spostata all'estero.

Da allora altre entità hanno detenuto la licenza per il nome, inclusa Kate Spade & Company. La qualità dei gioielli importati venduti con il marchio Trifari è molto inferiore rispetto ai pezzi vintage e segna il declino del marchio.

Questo articolo ha suscitato il tuo interesse?

Vieni a trovarmi nel mio Showroom (in appartamento privato) a Roma nel quartiere Trieste! 

Chiama il 3331546730 per fissare un appuntamento.

COPYRIGHT © TESORI VINTAGE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI